Come si fa a investire in tempi di recessione

Questa è diversa dalle altre nella nostra vita, ma prendere decisioni di investimento basate su previsioni informate per l’economia e i profitti delle imprese dovrebbe comunque funzionare bene. Ecco l’opinione di Lisa Shalett, Cio, wealth management, di Morgan Stanley

È difficile essere lucidi di fronte a un’improvvisa e brusca recessione economica, soprattutto se innescata da una crisi sanitaria globale. Ma è compito degli analisti di mercato guardare alle situazioni caotiche e trovare il modo di imporre un ordine. In questo modo, possiamo aiutare gli investitori a mettere in atto strategie per proteggere i loro portafogli ed eventualmente prosperare, man mano che emerge un nuovo ciclo economico.
 
Il prossimo ciclo economico avrà probabilmente vincitori e vinti diversi da quelli emersi durante il ciclo di 11 anni che si è concluso così bruscamente in marzo. Mi aspetto che la leadership del mercato azionario si sposti dai giganti tecnologici orientati al consumo che hanno dominato i mercati verso settori come la sanità, la finanza e l’industria, che probabilmente ne trarranno beneficio man mano che i tassi di interesse torneranno a livelli più normali, l’inflazione aumenterà e gli investimenti di capitale rimbalzeranno.
 
Non è troppo presto per iniziare ad aumentare la propria posizione in azioni, ma suggerisco di farlo in modo disciplinato, per esempio, con una media del costo del dollaro ogni mese in fondi gestiti attivamente che mirano a selezionare titoli che possano sovraperformare nel nuovo ambiente. È probabile che la volatilità persista nelle prossime settimane. Ecco le previsioni di Morgan Stanley che sono alla base del mio consiglio:
 
Severa, ma breve recessione
 
Crediamo che la recessione sia iniziata a metà marzo. L’economia non è ufficialmente in recessione fino a quando non ci sono due trimestri consecutivi di contrazione economica, ma è abbastanza chiaro quando è iniziata. Il secondo trimestre sarà probabilmente il più importante; la disoccupazione negli Stati Uniti potrebbe quadruplicare fino al 12,5% e il PIL potrebbe ridursi del 30%. Sarebbe il più grande crollo trimestrale della storia. Entro il terzo trimestre, tuttavia, l’attività economica dovrebbe riprendere e, entro il quarto trimestre, la crescita potrebbe riprendere a un ritmo quasi del 3% su base annua.
 
Questo segnerebbe una ripresa molto rapida per un così grave ridimensionamento. Da uno a tre trimestri, l’economia statunitense potrebbe attraversare un livello di contrazione che normalmente richiede da 18 mesi a due anni. Questo non vuol dire che non ci sarà molto dolore, visto che molte aziende falliranno. Ma in ultima analisi, un ripristino del ciclo economico che si traduce in nuovi leader di mercato può portare benefici all’economia e agli investitori nel lungo termine.
 
Ci aspettiamo che gli utili aziendali riflettano la recessione economica, ma peggio ancora. Mike Wilson, Chief U.S. Equity Strategist di Morgan Stanley, ritiene che gli utili medi delle società che costituiscono l’ampio benchmark di mercato dell’S&P 500 potrebbero diminuire dal 40% al 50% nel secondo trimestre e fino al 20% per l’intero anno. In effetti, gli analisti di Wall Street sono ancora in procinto di tagliare le loro stime di guadagno in un modo senza precedenti.
 
Le previsioni di ripresa del secondo semestre potrebbero sembrare rosee dal nostro attuale punto di vista. Ma le consideriamo prudenti, a causa delle massicce risposte di politica monetaria e fiscale da parte della Federal Reserve e del Congresso, rispettivamente. Il disegno di legge di sgravio economico di 2.000 miliardi di dollari firmato venerdì scorso equivale a circa il 10% del PIL annuale degli Stati Uniti, e gli aiuti potrebbero avvicinarsi al 20% del PIL se si tiene conto dei programmi della Fed. Questo è più del doppio del pacchetto di salvataggio per la crisi finanziaria del 2008.
 
Altre ragioni di incoraggiamento: a differenza delle precedenti recessioni, il consumatore americano è entrato in quest’ultima in modo  relativamente forte, senza troppi debiti. Inoltre, il mercato immobiliare era pronto per un rimbalzo. Se il dolore inflitto nei prossimi mesi non porterà a un persistente stress dei consumatori, riteniamo che le nostre previsioni di ripresa della crescita economica nella seconda metà dell’anno siano realistiche. Dato che i mercati in genere si scambiano aspettative future, non è troppo presto ora per gli investitori per iniziare a posizionare i loro portafogli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *